Help Center
< All Topics

Formazione aperta

Come seconda opzione, √® possibile effettuare una formazione gratuita. Questa differisce dalle procedure in quanto √® un po’ pi√Ļ complessa. Di seguito riportiamo alcuni esempi di come potrebbe apparire l’allenamento di biofeedback EMG con eSense Muscle in diverse applicazioni.

Si prega di considerare questi esempi solo come una guida approssimativa. Esiste un’ampia gamma di opzioni, questa √® solo una breve panoramica. Esiste un’ampia letteratura sul tema del biofeedback EMG, che fornisce ulteriori indicazioni su come procedere.

Preparazione e inizio

  1. Seguire le prime fasi di preparazione del capitolo precedente e selezionare un allenamento libero nella schermata di selezione dopo l’avvio dell’applicazione. Passare quindi alle impostazioni e collegare l’eSense Muscle. Selezionare il canale e il filtro desiderato. Tornare all’allenamento libero.
  2. Ora avviate una misurazione libera (basta premere “Avvia” nella schermata principale) e date una prima occhiata ai valori misurati del vostro segnale muscolare. Lasciate liberi i muscoli e cercate di tenderli il pi√Ļ possibile. Si dovrebbe vedere una risposta adeguata sulla curva.
  3. Per ottenere una comparabilit√† ottimale delle sessioni, √® possibile definire il tempo di una misurazione nelle impostazioni dell’app eSense e limitarlo a un valore, ad esempio 10 minuti. La misurazione si interrompe automaticamente allo scadere di questo tempo. Nell’impostazione standard dell’app eSense, il tempo di misurazione dell’eSense Muscle √® di massimo 30 minuti. Se si desidera allenarsi pi√Ļ a lungo, √® necessario dividere l’esercizio in due o pi√Ļ registrazioni. Si consiglia di impostare un tempo dopo i primi esperimenti e di impostarlo nelle impostazioni, che corrisponde alla durata dell’allenamento desiderato e regolare. In questo modo si otterr√† una valutazione ottimale e la comparabilit√† delle sessioni di allenamento in seguito.
  4. La scelta dei canali e delle impostazioni dei filtri √® essenziale anche per confrontare le misure tra loro. Ovviamente, √® possibile confrontare le misure solo con lo stesso numero di canali e le stesse impostazioni di filtro. Provare una volta le impostazioni dei filtri disponibili e cercare il filtro che meglio rappresenta il segnale muscolare. Scegliere innanzitutto il filtro pi√Ļ stretto e passare a un filtro pi√Ļ ampio solo se si ha l’impressione che il segnale sia visualizzato solo parzialmente e in modo inadeguato. Sperimentare con i filtri √® utile e utile per ottenere una valutazione del segnale muscolare.
  5. I filtri hanno un ulteriore significato quando si tratta di valutare il segnale muscolare in relazione alle cosiddette fibre muscolari “slow twich” e “fast twich”. Mentre le fibre veloci sono responsabili di movimenti forti e rapidi e la loro attivit√† √® principalmente compresa tra 100-200 Hz, le fibre lente garantiscono il mantenimento di una tensione muscolare di base. Le fibre lente sono anche pi√Ļ persistenti e reagiscono allo stress fisico ed emotivo. La loro frequenza massima √® inferiore a 80 Hz e pu√≤ essere catturata meglio con il filtro 20-300 Hz. Maggiori informazioni in merito nelle sezioni successive.


Applicazioni abituali, ad esempio l’allenamento per lo sviluppo muscolare

  1. In questo esempio, l’obiettivo √® quello di aumentare gradualmente l’attivit√† elettrica dei muscoli e quindi la loro forza di contrazione. Sia il livello massimo raggiungibile dell’ampiezza (la forza della tensione) che la durata in cui questo pu√≤ essere mantenuto giocano un ruolo importante.
  2. Una riduzione della forza o un disturbo della motricit√† fine possono essere influenzati positivamente dall’allenamento di costruzione muscolare con biofeedback EMG. La particolarit√† √® la risoluzione fine della misurazione, cio√® √® possibile misurare e rendere visibile anche un’attivit√† muscolare minima. In determinate circostanze, questa pu√≤ essere una tensione visibile solo in un leggero aumento della curva di misurazione, non in un movimento visibile del muscolo misurato.
  3. L’attivit√† dei muscoli pu√≤ essere aumentata poco a poco attraverso un allenamento mirato. Si presume che l’allenamento con biofeedback promuova la facilitazione dei processi di riorganizzazione neurofisiologica.
  4. In questo esempio, spesso si utilizzano elettrocateteri a 2 canali. Ad esempio, se il braccio sinistro √® pi√Ļ debole di quello destro, il 1¬į canale pu√≤ essere posizionato sul braccio sinistro e il 2¬į canale sul braccio destro, sullo stesso muscolo. In questo modo i valori misurati di entrambe le braccia possono essere confrontati tra loro e l’obiettivo dell’allenamento pu√≤ essere quello di portare il braccio sinistro alla stessa forza del braccio destro. Il confronto laterale √® utile in molte situazioni. Un canale pu√≤ anche essere aumentato mentre l’altro canale deve rimanere calmo, cio√® un muscolo deve essere teso mentre l’altro muscolo NON deve essere specificamente teso.
  5. L’allenamento per la costruzione e il rafforzamento dei muscoli pu√≤ anche essere combinato con ausili come attrezzature sportive, manubri, ecc. per ottenere un ulteriore effetto di allenamento. La misurazione del biofeedback aiuta a misurare i progressi e a presentare un chiaro confronto delle misure. Come sempre, assicurarsi che gli elettrodi, i filtri e la durata dell’allenamento siano posizionati esattamente allo stesso modo e ripetutamente.

Usi comuni, ad esempio il rilassamento muscolare

  1. Esistono diversi livelli di applicazione nel campo del rilassamento muscolare:
    1. Per supportare la psicoeducazione / l’autoconsapevolezza, ad esempio per mostrare come i muscoli reagiscono a stimoli come pensieri negativi, certe posture e certe situazioni quotidiane. Anche per acquisire la convinzione che il controllo sui muscoli possa essere esercitato e osservato.
  1. Gli elettrodi vanno posizionati direttamente sui muscoli che si desidera ridurre o sui quali si sospetta un aumento della tensione. Con le posture di scarico, l’aumento della tensione muscolare pu√≤ verificarsi in un punto completamente diverso, ad esempio perch√© i muscoli sono tesi in quel punto per risparmiare altri muscoli.
  2. Avviare la misurazione e osservare i valori misurati per un po’. L’attivit√† muscolare viene visualizzata sotto forma di curva o di barra. Nella schermata principale dell’applicazione in formato verticale, √® possibile vedere l’ampiezza sotto forma di barra. Questa √® la forma di presentazione pi√Ļ diretta. Nel formato orizzontale √® possibile vedere la tensione muscolare sotto forma di curva e di valori numerici.

Due immagini della barra della tensione muscolare in formato verticale e della curva del segnale muscolare in formato orizzontale.

  1. Come esercizio esemplare, si pu√≤ provare a tendere i muscoli e poi a scioglierli al meglio. Ripetere l’operazione alcune volte. Durante questa operazione, osservate i valori misurati e verificate se riuscite ad abbassare ulteriormente il valore misurato rispetto all’inizio della misurazione. Potete anche farvi massaggiare i muscoli tesi da un’altra persona e osservare gli effetti che un massaggio rilassante ha sui muscoli. Anche questo √® spesso chiaramente visibile nei muscoli tesi.
  2. Provate a vedere come le diverse posture (seduti, in piedi, sdraiati) influenzano i muscoli. Ad esempio, stare seduti e lavorare alla scrivania pu√≤ spesso essere accompagnato da una postura scorretta che ha effetti negativi sui muscoli. Si noti che l’aumento della tensione muscolare non sempre si manifesta quando si misura con l’eSense Muscle in una posizione comoda, ma a volte solo in determinate condizioni problematiche, che possono essere integrate nella misurazione.
  3. Esercitare la tensione e il rilassamento utilizzando l’ausilio alla contrazione. L’aiuto alla contrazione pu√≤ essere attivato nelle impostazioni dell’applicazione; di default non √® attivato. Attivatelo e iniziate a esercitarvi con la frequenza abituale. Regolate la frequenza in base alle vostre esigenze e passate al formato orizzontale durante l’allenamento libero, dove potete cambiare la visualizzazione con uno “swipe” e accedere all’oscilloscopio + aiuto alla contrazione. Esercitare le fasi di tensione e rilassamento per alcuni minuti e osservare la curva e i valori.

5 secondi di tensione, mantenimento per 2,5 secondi e 5 secondi di rilassamento, rilascio per 2,5 secondi (= 4 contrazioni al minuto)

  1. Allenatevi con l’aiuto delle varie funzioni di biofeedback offerte dall’applicazione. In formato orizzontale, l’aiuto per le contrazioni √® rappresentato da una linea e da una sfera. Avete a disposizione un video liberamente selezionabile, che cambia in molti modi per adattarsi alla tensione muscolare. √ą possibile utilizzare musica e toni, attivabili nelle impostazioni. Le singole funzioni di feedback sono descritte in dettaglio nel capitolo corrispondente dell’applicazione.
  2. Utilizzate le procedure fornite! In questo modo √® possibile conoscere ancora meglio le varie funzioni dell’app e svolgere un allenamento standardizzato. Se lo desiderate, potete creare una procedura personalizzata con le vostre varianti di feedback preferite.

Applicazioni abituali, ad esempio lo stress test

  1. In determinate circostanze, √® opportuno lavorare in modo pi√Ļ specifico con stimoli di stress per allenarsi a gestire lo stress. Il biofeedback EMG √® adatto all’uso di metodi di provocazione mirati, poich√© mostra una reazione pronta e sensibile a uno stimolo, spesso proporzionale alla forza e all’importanza dello stimolo.
  2. Avviare la misurazione e osservare i valori misurati per un po’. Poi cercate di rilassarvi. L’allenamento inizia con un periodo di riposo di alcuni minuti.
  3. A questo punto si utilizza un fattore di stress (stimolo di stress) in modo mirato. Alcuni esempi sono: pensieri negativi, immagini o oggetti carichi di emozioni e rumori sgradevoli. Anche compiti come l’aritmetica mentale, la simulazione di un esame o di una situazione spiacevole per un certo periodo di tempo sono buoni stressor. Di norma, tutti conoscono le cose che causano tensione ed eccitazione. Ad esempio, se siete riluttanti a parlare davanti a grandi folle, provate a tenere un discorso spontaneamente o a immaginare la situazione. Se siete esposti a un tale fattore di stress, osservate le letture e probabilmente vedrete un aumento della tensione muscolare e una persistenza a un livello pi√Ļ alto. Provate quindi a far scendere di nuovo la curva, a sciogliere i muscoli in modo mirato e a tornare a un livello iniziale basso.
  4. All’interno di una sessione di allenamento √® possibile alternare le fasi di rilassamento e di sollecitazione per circa tre o quattro volte. Concludete sempre la sessione con una fase di riposo e non sovraccaricatevi. Eseguite diverse sessioni di allenamento, distribuite su un periodo di tempo pi√Ļ lungo, fino a quando non vi sembrer√† di reagire meno pesantemente agli stressor o di recuperare pi√Ļ rapidamente.
Questions

Leave a Question

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha Plus loading...